Home

Nuovo corso

L’appuntamento è per il 13 gennaio 2018, in Piazza della Repubblica, a Gioia dei Marsi.
La manifestazione, dalle 9.00 alle 18.00, chiude una settimana di incontri sulla prevenzione

Per Gioia dei Marsi e per tutta la Marsica, la data del 13 gennaio non può passare inosservata perché, inevitabilmente, la mente torna al 13 gennaio 1915, giorno in cui un catastrofico terremoto distrusse tutta Gioia, provocando morti e tragedie indimenticabili. In occasione del centenario del terremoto, in Gioia è stato presentato dall’Associazione di Promozione Sociale “Nuovo Corso” il libro “Il terremoto delle anime”, scritto da Cesira Sinibaldi e da Carmine Granato. Dopo il libro, sono stata organizzate due mostre dei documenti dell’Archivio Comunale di Gioia utilizzati dagli autori per scrivere il libro e altri documenti, foto e oggetti utili per capire la storia e le storie dei gioiesi, vissuti prima, durante e dopo il terremoto. Nel Centro Culturale G. Moretti” di Gioia, a cura dell’Associazione Nuovo Corso, è stato affisso un  elenco dei quasi 3000 morti al terremoto. Ma la memoria del passato non basta. Comune e Protezione Civile di Gioia guardano avanti e si preoccupano di diffondere la cultura della prevenzione, soprattutto tra le nuove generazioni. Come tutti sappiamo, i terremoti non si possono prevedere, ma tutti capiamo che possiamo ridurne le conseguenze se sappiamo comportarci in maniera adeguata e consapevole. Per formare una efficace cultura della prevenzione, il Gruppo di Protezione Civile di Gioia, coordinato dall’ingegnere Luigi Aratari, validamente coadiuvato e supportato da Antonio De Ioris, assessore del comune, ha incontrato, in due distinti giorni, gli scolari della scuola primaria e gli studenti della scuola secondaria di primo grado (una volta “scuola media”) di Gioia, di Lecce e di Ortucchio, sulla scia della grande manifestazione tenutasi all’Aquila, il 14 ottobre 2017, negli spazi antistanti il cinquecentesco castello della città, patrocinata dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile e dalla Regione Abruzzo.  Siamo stati presenti all’Aquila, dove Gioia era presente con un gazebo, e ne abbiamo parlato in questo spazio. L’evento ha avuto risonanza nazionale e  molti attori e personaggi famosi del mondo dello sport e dello spettacolo quali l’attore Cesare Bocci, l’atleta Giovanbattista Venditti, il commentatore ex arbitro Andrea De Marco, lo showman Marcello Cirillo e non ultimo per importanza l’attore e showman Sergio Friscia, che sono scesi in piazza come testimonial, attraverso  videomessaggi e slogan al fianco dei volontari di Gioia dei Marsi per diffondere le buone pratiche di protezione.

La data del 13 gennaio è stata simbolicamente scelta dal gruppo di Gioia dei Marsi per commemorare le vittime del terremoto del 1915, ma anche con il fermo proposito di non farsi trovare impreparati da eventuali altre calamità naturali simili a quella di 103 anni fa. La giornata sarà animata da giochi, linee del tempo che racconteranno la Gioia di prima e di dopo il terremoto, quando, grazie a tutti i gioiesi rimasti in vita  e grazie al generoso impegno della città di Ferrara, fra le altre città, fu disegnato l’impianto urbanistico, che è alla base del paese che tutti,oggi, conosciamo. (c.g.)

Il presepe, nella tradizione gioiese, è sempre stato un punto di riferimento e di spirito di aggregazione del paese, nei giorni delle festività natalizie.

Nei nostri ricordi d'infanzia, appare, indimenticabile, l'allestimento in fondo alla navata di sinistra della chiesa parrocchiale. Il parroco, don Artemio De Vincentiis, aiutato dai giovani volontari che si offrivano, lo ha sempre curato allo stesso modo: sollevato da terra, il paesaggio di muschio e ghiaia accogliava statue di una certa dimensione, grandi e grandissime per noi bambini. La capanna era tradizionale e l'angelo, come in tutti i presepi, sovrastava in un cielo di carta stellata blu, mostrando una fascia con la scritta "Gloria in excelsis Deo". I Magi nella  magnificenza dei loro abiti, incedevano, di giorno in giorno, versa la capanna, spostati da una mano prescelta.

Da qualche anno, Daniele Fazi, che possiamo considerare un artista di talento del settore, con la collabirazione di Gaetano Aureli e di Vincenzo Graziani, anch'essi volontari attenti e premurosi, allestisce un presepe esterno alla chiesa, in un punto  visibile e chiunque transiti per la strada nazionale.

L'architettura cambia anno dopo  anno e ogni volta diciamo che più bello non potrà essere realizzato in futuro... invece Daniele ci stupisce ogni volta con una relizzazione suggestiva ed unica, sia nell'impostazione che nella illuminazione. Le statue sono le stesse, ma gli effetti scenici cambiano sempre.

Insomma, grazie alla creatività e al lavoro serio di pochi, motivati volontari, a Gioia dei Marsi l'emozione si accende ogni Natale!

Grazie Daniele, Gaetano, Vincenzo! Grazie  a chi apprezza e si commuove!

(Cesira Sinibaldi)

NONA EDIZIONE DEL CONCORSO NAZIONALE DI POESIA “Patrizio Graziani”, Gioia dei Marsi

Sabato, 28 ottobre 2017, alle ore 16,00, in quella che si può considerare la “Sala della Memoria” del Centro Culturale “G.Moretti”, di Gioia dei Marsi, si è tenuta la premiazione della nona edizione del Concorso Nazionale di Poesia, in lingua italiana e in vernacolo, intitolato a Patrizio Graziani, compianto e rimpianto uomo di arte e di cultura, poeta e amante della storia, dei luoghi e delle persone di Gioia dei Marsi. Il concorso, organizzato dall'Associazione Culturale Teatro Fiore, di casali d’Aschi, e dalla Famiglia Graziani, è patrocinato dal Consiglio Regionale d'Abruzzo, dalla Provincia dell'Aquila e dal Comune di Gioia dei Marsi. Alla cerimonia di premiazione, condotta da Emilio Roselli, poliedrico animatore e uomo di cultura di Casali d’Aschi, hanno partecipato: Pierluigi Graziani, figlio di Patrizio Graziani, l’assessore dell’Ente Provincia dell’Aquila, Gianluca Alfonsi, e  Vincenzo Casasanta, consigliere comunale di Gioia dei Marsi, in rappresentanza del sindaco. Filomena Fazi ha letto due poesie di Patrizio Graziani.

La Giuria, composta dai professori Cesira Sinibaldi, Maria Assunta Oddi, Ninetta Taccone, Giancarlo Cococcetta e Carmine Granato, dopo aver valutato le centinaia di poesie pervenute, ha quindi assegnato i premi.

Dei poeti, che hanno scritto in lingua italiana:

 Primo premio a MARIA CARMELA MUGNANO, per la poesia “SE MAI NELLA TUA VITA (A IRENE)”;

Secondo premio ex aequo a   FRANJO MATANOVIC, per la poesia “E’ FACILISSIMO UCCIDERE UN POETA”

e a  FLORIDEO MATRICCIANO, per la poesia “RISTANNO AI FILI”;

Terzo premio a DOMENICO ALBINI, per la poesia “GLI AQUILONI DI SHARGAT (IRAK)”

MENZIONE D’ONORE A:

CIRO TODISCO, VINCENZO LA MANNA, CARLO CHINELLATO, VALENTINA OLIVI, DIEGO BONATO, COSIMO GENTILE, MARCO FELICIANI, FRANCESCA MARIA ZINNARDI, ELISA LEO, FLOREDANA DE FELICIBUS, LIDIA DRAGONE, ENNI SCARDICCHIO, ANTONELLA RICCARDI, MICHELA MANENTE, ROSALBA DI SARRA.

SPECIALE SEGNALAZIONE DI MERITO A:

ANTONELLA GIORDANO, ALESSANDRA DE LEONI, LAURA VANESSA MORGANO, MARIA ADELAIDE RUBINI, MARINA MODESTI, MARIA TERESA LA PORTA, NIKOLLE LOKA, GIULIA BELLUCCI, MANUELA GENNARESI, CARLA DE FALCO, DAVIDE ROCCO COLACRAI, MARGHERITA PIZZICHELLO, ALESSANDRO TADDEI, SALVATORE CUOMO, ETTORE CAPITANI, ARTESIO DI LEGGE, TIZIANA GABRIELLI, STEFANIA ANDREOCCI, CARLO GRAZIANI, MARIA PIA COSTANTINO, TIBERIO LA ROCCABRASILI LUIGI, ALESSANDRO MONTICELLI, TIZIANA PISACANE, ANTONIO DAMIANO, MARIAROSARIA TROVARELLI, SABRINA BALBINETTI, DANIELA BASTI, CRISTINA SPENNATI, VINCENZO SCRETI, MICHELA MERSI, MASSIMILIANO RASO, ALBERTA FLORA LEMBO, GIORGIO RAFAELLI, BARBARA PRESICCE, MASSIMILIANO TESTA, ELENA MANEO, MARCO TABELLIONE, GIOVANNI MARTONE, JACOPO COLONNA, STEFANIA RONZITTI, BENEDETTA MASTRI, RICCARDO BARBIERE, ANNAGRAZIA RUSCITTI, ANTONIO VILLA, DOMENICO RUGGIERO, SARA PALLADINI.

 

Dei poeti che hanno presentato composizioni in vernacolare il primo premio è stato assegnato a

 SERGIO MEOGROSSI, per la poesia “ NZEM NEND NZEM NISCIUN”;

 Il secondo premio è stato attribuito ex aequo a: ANGELO CANINO, per la poesia “U MEARU E DA SPERANZA” e a  EMILIA DE VECCHIS, per la poesia “MAMMA A JO FIUMO”;

Il terzo premio è stato attribuito ex aequo a VALENTINA OLIVI, per la poesia  “OMENI E MERLETTI”

E a GIOVANNINO GIOSUE’, per la poesia “A MAMME”.

 Hanno ottenuto una menzione d’onore:

 FRANCO MILANESI, PATRIZIA STEFANELLI, AMILCARE MIONE, CIRO TODISCO, FABRIZIO CICCARELLI, MARIA CARMELA MUGNANO, VINCENZO LANNA, TOMMASO CARUSO.

 Hanno ottenuto una speciale segnalazione di merito:

 FRANCESCO MAZZITELLI, MARCO TRIONFANTE, ANTONIO BARRACATO, CARMELINA TARABORELLI, TIBERIO LA ROCCA, MARCO MANNAGO’, JACOPO COLONNA, ANTONIO VILLA, ROSSANA ZENOBI, BENEDETTO BAGNANI, LILIANA IANNI, CATERINA D’ASCENZO, ANTONIO D EROSA, GIOVANNI PICONE, CATERINA MUCCITELLI, MARIA ASSUNTA SCIPIONE, NICE DE PETRA, CARLO CARUSI, MICHELE IZZO, MARIA CONCETTA SELVA, CHIARA CONTI, MARCO SQUARCIA, LORENZO SPURIO.

Pierluigi Graziani premia MARIA CARMELA MUGNANO, primo premio per la poesia “SE MAI NELLA TUA VITA (A IRENE)”

La Giuria del Concorso Nazionale di Poesia "Patrizio Graziani", al tavolo. Vincenzo Casasanta, al microfono.

Emilio Roselli, factotum del Concorso Nazionale di Poesia "Patrizio Graziani".

(dal nostro inviato all’Aquila)

La manifestazione ha visto all’opera moltissimi operatori della protezione civile

Sabato, 14 ottobre 2017, nel parco del castello cinquecentesco dell’Aquila, nell’arco di tutta la giornata, si è tenuta la manifestazione “Io non rischio”, con lo scopo di fare conoscere al grande pubblico le attività da mettere in atto in occasione di terremoti, maremoti o alluvioni. Accanto alla Croce Rossa Italiana erano presenti tante sezioni della protezione civile, tra cui quella del Comune di Gioia dei Marsi. Un’area del parco è stata destinata ad ospitare i gazebo delle varie delegazioni. Il gazebo di Gioia dei Marsi ha esposto alcune foto relative a Gioia di prima, durante e dopo il terremoto del 1915, in gran parte fornite dall’Associazione di Promozione Sociale Nuovo Corso di Gioia, ed ha ospitato i visitatori, che chiedevano informazioni e insegnamenti su come comportarsi in caso di calamità naturali. Si è trattato di una manifestazione utile e da ripetere, rendendola più accattivante e pubblicizzandola in modo più efficace. (c.g.)

Collegamenti utili per capirne di più:

-          www.protezionecivile.gov.it

-          www.reluis.it

-          www.anpas.org

-          www.isprambiente.gov.it

-          www.ingv.it

-          www.ogs.trieste.it

-          https://www.facebook.com/pcgioiadeimarsi/?pnref=story

 

(nelle foto, il sottosegretario alla presidenza della Regione Abruzzo, Mazzocca, posa con i volontari della protezione civile del comune di Gioia; momenti della manifestazione “io non rischio”)

Nel pomeriggio dell’8 ottobre 2017, nella sala delle conferenze del Centro Culturale “Moretti” di Gioia dei Marsi, Maurizio D’Amico, erpetologo, ha tenuto una conferenza sulle vipere altri serpenti d’Abruzzo. L’incontro con l’erpetologo è stato organizzato dal Comitato Feste di Casali d’Aschi, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Gioia dei Marsi. Maurizio D’Amico, veterinario ed esperto di serpenti di ogni genere, ha illustrato da par suo le caratteristiche morfologiche di tantissimi rettili e si è soffermato sulla percentuale di rischio connesso all’incontro di parecchi serpenti della nostra provincia. In sala erano esposte alcune teche contenenti qualche serpente.

(nelle foto, Maurizio D’Amico, qualche serpente  e una teca)

Sabato 14 ottobre 2017, tutti all’Aquila

https://www.facebook.com/pcgioiadeimarsi/?pnref=story

Cesare Bocci, l’attore che tutti conosciamo perché l’abbiamo visto a fianco del famoso commissario Montalbano, Andrea De Marco, ex arbitro di calcio e opinionista televisivo, e Giovanbattista Venditti, atleta della Nazionale Italiana di rugby, affiancano il Gruppo Comunale dei volontari della Protezione Civile di Gioia dei Marsi nella manifestazione nazionale “Io non rischio”, che si tiene all’Aquila.

Sede della manifestazione è il Parco del castello cinquecentesco della città, il 14 ottobre 2017, per l’intera giornata. “Io non rischio” ha lo scopo di informare i cittadini sul modo migliore di affrontare le calamità naturali, dal terremoto al maremoto. Il Gruppo della Protezione Civile del Comune di Gioia partecipa alla manifestazione per mettere a disposizione la sua esperienza, maturata sul campo, in moltissime occasioni di calamità naturali, nella quali ha prestato la sua opera.

 

(nelle foto, attori e scena della manifestazione aquilana)

Mostra di prodotti e di macchine per l’agricoltura di ieri e di oggi, un convegno importante

Anche la stagione lirica dell’Arena, di Verona, iniziò per la caparbietà di pochi melomani

Domenica, 17 settembre, Gioia dei Marsi si è svegliata disturbata da Giove Pluvio, con cielo e pecorelle e acqua a catinelle. L'Abruzzo di pecorelle ne ha viste tante, ma quelle di domenica non erano di buon auspicio per la Prima Giornata dell'Agricoltura, organizzata dall’infaticabile Andrea Longo, presidente della Pro Loco di Gioia, in collaborazione con l’amministrazione civica, capitanata da Gianclemente Berardini, appena eletto per il terzo mandato.

Poi è arrivato il signor Sereno e la giornata ha preso la sua giusta piega. Piazza della Repubblica, di Gioia dei Marsi, per una giornata, sembrava un angolo della Fiera del Levante di Bari o della Fiera dell'Agricoltura di Verona: trattori di vario genere e di varia potenza che facevano bella mostra di sé e che facevano sognare i numerosi agricoltori presenti e che erano la gioia dei tantissimi bambini presenti, che si facevano fotografare ai comandi dei trattori, dai colori sgargianti. Accanto alle macchine ultramoderne, erano presenti anche trattori di "ieri", tra i quali un Landini a testa calda del 1930. Accanto ai trattori erano esposti prodotti della terra: ortaggi e anche vini.

Domenica, 17 settembre 2017,  a Gioia , è stata una festa dell'Agricoltura, con sottofondo di musica, diffusa dal Palazzo del Municipio. Nel pomeriggio ha avuto luogo, nel centro culturale del paese, un interessante convegno sull'eterno problema dell'irrigazione delle terre del Fucino. Claudio Aureli ha tenuto una relazione, Lorenzo Berardinetti, Presidente della Commissione Regionale all'Agricoltura, ha illustrato i numerosi provvedimenti che la Regione ha preso e che ha in programma di prendere a favore dell'agricoltura, in generale, e della Marsica in particolare. L'assessore Dino Pepe ha illustrato con dovizia di dettagli la politica agricola della Regione Abruzzo e ha fatto il punto della situazione sull'irrigazione delle terre del Fucino, al cui proposito  ha sollecitato la stesura un progetto sicuro e definitivo a fronte degli 11 in discussione perché..." le risorse ci sono". Il sindaco di Gioia, Gianclemente Berardini, ha portato il saluto dell'amministrazione civica e Serafina Sinibaldi ha coordinato i lavori.

La giornata si è chiusa, in allegria, con un piatto di mezze maniche al radicchio, preparate da Luca Fusè, socio della Pro Loco, e con un brindisi di vini della Cantina del Fucino, di Avezzano. Il Comune di Gioia e la Pro Loco hanno dato vita ad una manifestazione, che - ci si augura - possa essere la prima di tante altre. Anche la stagione lirica dell’Arena, di Verona, iniziò per   la tenace passione di pochi melomani, che salvarono il monumento da sicura distruzione. Gioia, ad maiora semper. (c.g.)

Le aziende agricole che hanno esposto i loro prodotti in Piazza della Repubblica:

-         Cooperativa Valfucino, San Benedetto dei Marsi (AQ): legumi, marmellate e tanto altro

-         Marsica Plastica s.r.l. Via Circumvallazione, Km.27,70, Venere di Pescina (AQ): cassette in plastica

-         Azienda Agricola Aureli Gino, Gioia dei Marsi: patate

-         Orto Gioia, Via Magoranese, Gioia dei Marsi: orticoltura

-         Cantina del Fucino, Avezzano (AQ)

-         Scarpone Società Agricola,Venere di Pescina (AQ): ortaggi

-         Lago d’Oro, Via Dell’Abbazia, S.Benedetto dei Marsi (AQ): Produzione  del finocchio

-         AGRAL, Via Circonfucense,151, Trasacco (AQ): azienda agricola

-         COLT.OR, Via Circonfucense, Km. 26,500, Ortucchio (AQ): azienda agricola

-         Agro Bio Abruzzo F.lli Alfonsi, Gioia dei Marsi .

-         Tra i produttori era presente Mario Longo, gioiese, per conto di  Unica Fruit srl , società che si occupa di commercializzazione di prodotti ortofrutticoli per la grande distribuzione

Le aziende che hanno esposto le loro macchine agricole in Piazza della Repubblica:

-         Sandro e Daniele Di Salvatore, Agri Fer, macchine agricole, Ortucchio (AQ)

-         Simoni Massimo, Avezzano (AQ)

-         Agri 2 , Celano (AQ)

-         Palmerone Gino, Celano (AQ)

-         GIERRE, Aielli (AQ).

In Piazza della Repubblica, faceva bella mostra di sé un Landini a testa calda del 1930, che è stato anche “acceso” per la gioia di tutti gli astanti di qualunque età.

(nelle foto, momenti della Prima Giornata dell’Agricoltura)

Esposizione di prodotti marsicani e di macchine agricole

Il 17 settembre 2017, a Gioia dei Marsi (AQ), si terrà la Prima Giornata dell'Agricoltura, organizzata dal Comune e dall'Associazione Pro Loco di Gioia.

In mattinata, dalle ore 9,00, in Piazza della Costituzione, si terrà una mostra di prodotti marsicani e di macchine agricole; dalle ore 17, al Centro Culturale "Moretti", avrà luogo un Convegno sull’agricoltura della Marsica, con la partecipazione, tra gli altri, di Dino Pepe e di Lorenzo Berardinetti, rispettivamente Assessore e Presidente della Commissione Agricoltura della Regione Abruzzo e del sindaco, Avvocato Gianclemente Berardini

Cultura, giochi, gare, tradizioni, gastronomia hanno caratterizzato il mese di Agosto 2017, a Gioia dei Marsi.

Molte le manifestazioni, che si sono tenute a Gioia, in questo agosto 2017.  Ha aperto, il 2 del mese,  l’Evento Fontana Vecchia,  organizzato dall’Associazione Culturale Voci di Gioia. Ospite lo scrittore, poeta e paesologo Franco Arminio. La serata è stata allietata dal coro Voci di Gioia e da un tenore, che ha cantato note composizioni, inframmezzate da letture edificanti. Franco Arminio ha letto alcune delle sue poesie e, in qualità di paesologo, ha insistito molto sul realizzando senso di comunità, esigenza molto sentita soprattutto nei piccoli paesi. A seguire, ha  improvvisato un coro con gli spettatori, intonando “Bella, ciao” e poi “Azzurro”.

La serata del 10 Agosto, dedicata alla memoria di Enrico Sinibaldi e a Maria Rosaria Aureli, organizzata dall’Associazione di Promozione Sociale Nuovo Corso, si è tenuta in Piazza della Repubblica ed è stata presentata da Carmine Granato.   Il libro fotografico “Gioia si Mostra”,  di Cesira Sinibaldi, è stato presentato al pubblico con note introduttive dell’autrice. A seguire, il concerto tenuto dal tenore Francesco Fortes, accompagnato dal pianista Carlo Feola, interpreti di romanze celebri e note canzoni del repertorio classico italiano e napoletano.

Il Centro Anziano “S. Vincenzo Martire, ha presentato, la sera del 16 agosto, in Piazza della Repubblica, “Talenti di Gioia”, una vivace  passerella di cantanti dilettanti gioiesi, senza limiti di età, all’insegna del divertimento e della bella musica.  Valentina Fazi e Valerio Panfili hanno presentato e animato brillantemente la serata.

La Pro Loco di Gioia ha organizzato varie manifestazioni: tra le altre, il torneo di calcetto e la riuscitissima  Sagra della sagna gioiese del 14 agosto.

Il ferragosto, sempre per iniziativa della Pro loco di Gioia, si è svolto a Gioia Vecchio, con una grandissima partecipazione dei cittadini: messa al mattino, poi ottimo cibo, musica, cori e allegria fino all’alba, nel panoramico piazzale dietro la Chiesa.

Il 18 Agosto, a Sperone si è tenuta la manifestazione del Quizzettone.

Gli Invincibili di Casali d’Aschi hanno organizzato, nella Piazza di Gioia, la Sagra del Cinghiale, nella serata del 19 Agosto, con tanto divertimento e musica dal vivo.

L’Avis di Gioia ha organizzato Emoteca in Piazza, il giorno 20 Agosto alle ore 10.00. A seguire, “passeggiata e pranzo” nel meraviglioso borgo di  Sperone Vecchio.

Per lo sport, l’Associazione LAGOS ha organizzato le tradizionali gare sportive, il 4 e 14 Agosto, che hanno visto la partecipazione di molti atleti provenienti da ogni regione d’Italia. (c.g. e c.s.)